Siamo stati a FERMO ma …. ci siamo MOSSI … eccome se ci siamo mossi!!!

9-11 marzo 2018  Campionati Italiani di Nuoto in vasca corta FISDIR

Un bel drappello di ragazzi e ragazze con qualche genitore, una nonna e i volontari sono partiti per difendere l’onore della gloriosa Polisportiva Milanese ai Campionati invernali di nuoto.

8 marzo: partenza per FERMO, nelle Marche.  Viaggio INAUGURALE del nuovissimo pulmino della Società e direi che il battesimo è stato colmo di buoni auspici: se questo è l’inizio, possiamo dire che il futuro del pulmino sarà denso di accompagnamenti verso successi sportivi luminosi!

 

Alessio, Brando e Claudio con Arianna, Emilia, Francesca, Giulia Schmitt, Giulia Colombi e Lorena sono i nostri grandi atleti, che dopo mesi di impegnativi allenamenti si sono cimentati nelle gare che raccolgono tutti i migliori nuotatori di Italia.

Ognuno ha affrontato 3 gare individuali e 2 staffette e in totale, abbiamo raccolto ben:

Ø  17 titoli di “Campione Italiano” di categoria con addirittura 2 record italiani (nelle staffette 4×50 mista/mista  e  4×50 stile/femminile)

Ø  5 secondi posti e

Ø  4 terzi posti

… davvero un bel bottino per 9 paia di braccia!!!

E’ che con queste braccia abbiamo anche delle teste e dei cuori così grandi che possiamo affrontare qualunque sfida!

E le difficoltà non sono certo mancate. A partire dalla logistica in piscina che avrebbe messo a tappeto anche Magnini e Pellegrini (un caldo esorbitante, chiasso a palla e scale su e giù in continuazione), le levatacce con colazione alle 6.30, i pranzi in 30 minuti per tornare in acqua, per non parlare del “ciclo” delle nostre atlete e volontarie che –mannaggia!- si presenta sempre sul più bello ben sincronizzato per tutte!  E una concorrenza spietata con la presenza dei “big” della nazionale in tutte le categorie! Insomma, dopo 3 giorni tutti noi accompagnatori eravamo distrutti, mentre loro, i nostri eroici atleti, erano ancora in campo – anzi in acqua! – a mietere gloria e successi lottando come leoni! Ci spiace davvero per il nostro amato e bravissimo Brando, che dopo i successi incredibili degli ultimi mesi nelle piscine lombarde, affrontando la sua prima trasferta agonistica ha avuto un piccolo cedimento: proprio come la Pellegrini all’inizio della sua fulgida carriera, ma anche a Brando auguriamo di fare di questa esperienza un’occasione di rinforzo che lo porterà sicuramente a futuri miglioramenti e successi …. Proprio come è stato per Federica! FORZA BRANDO! Tutta la squadra è con te e ti vuole bene, come hai visto a Fermo!

Queste trasferte sono sempre un’occasione nuova di crescita: cresce l’esperienza sportiva, cresce l’unità della squadra tra sana rivalità agonistica e solidarietà reciproca, cresce la stima verso i nostri ragazzi e per le loro immense doti umane, l’amicizia tra familiari e volontari … l’arricchimento è davvero generale e universale!

 

W la grande POLISPORTIVA MILANESE !!!

  MCristina, Marta, Alice e il Grande Capo Roberto

Lo “TSUNAMI ROSSO” – Campionati ASSOLUTI IN VASCA CORTA FISDIR – Fabriano

Lo “TSUNAMI ROSSO”

Cercando un’espressione che potesse in qualche modo rendere efficacemente l’idea di ciò che è stata la spedizione a Fabriano per i campionati Italiani di Nuoto settore Agonistico pensavo a qualcosa di travolgente e il paragone con la mitica squadra Italiana di sci denominata “Valanga azzurra” mi è venuto spontaneo.

Ma qui si tratta di un ambito acquatico e quindi il fenomeno naturale che più si avvicina al travolgente entusiasmo e alla carica di energia dei nostri ragazzi mi è parso lo tsunami, rosso come il colore del cuore, dell’Amore e della Polisportiva Milanese.

I sei atleti rappresentanti della mitica POLISPORTIVA MILANESE sono scesi in campo, anzi in acqua, gioiosi e determinati a dare il meglio di se stessi e così è stato.

In effetti già negli ultimi allenamenti si era avuto sentore dei grandi miglioramenti dei nostri ragazzi, ma i risultati hanno superato le più rosee aspettative e sono convinta che, oltre alla preparazione tecnica, sia stata fondamentale quella magica atmosfera di coesione e amicizia, il senso della SQUADRA che, sempre presente, ha potenziato le loro capacità fisiche.

Ma partiamo dall’inizio.

Arrivati a Fabriano il venerdì sera, rifocillati e dopo una bella dormita eccoci belli pronti ad affrontare le prime gare il sabato mattina e la prima a scendere in acqua è Giulia Schmitt. Ed ecco subito il primo podio: un bel bronzo con un tempo e un punteggio più che dignitoso nonostante Giulia sia appena rientrata dopo 2 mesi di convalescenza per un piccolo intervento.

Ecco poi la nostra “corazzata”, il carro armato Emilia che non teme le fatiche e inizia subito con un bel 400stile: record personale e un argento non così lontano dalla prima in classifica……ci lavoreremo, ma siamo già pienamente soddisfatti.

E poi i 100 dorso vedono finalmente scendere in campo i nostri uomini, Claudio e Roberto che si difendono egregiamente portando a casa un altro podio (oro per Claudio e un bel 4°posto per Roberto); e le nostre nuove leve: Arianna seconda solo alla fortissima Xenia Palazzo (unica atleta Fisdir presente alle Paralimpiadi di Rio.) e Lorena che ci porta subito un altro oro.

Ma non è che l’antipasto. Perché nel pomeriggio si riparte, e da qui in poi non ci ferma più nessuno.
Ecco subito scendere in pista la 4×50 stile femminile: provata e riprovata in allenamento con tutti i possibili cambi di sequenza e le variabili speravamo di riuscire a salire sul podio, ma mai avremmo pensato sul gradino più alto. Un oro esaltante, conquistato col lavoro e con l’armonia che il quartetto ha raggiunto in allenamento, con la capacità di tenere a freno l’intemperanza individuale e la pazienza di guidarsi e consigliarsi a vicenda mettendo sempre il successo della squadra davanti al riconoscimento individuale.

E quando parlo di squadra non parlo solo delle 4 atlete scese in acqua, ma di tutti i ragazzi (anche chi non era fisicamente presente a Fabriano) che in allenamento danno anima e cuore, che permettono a chi ne ha bisogno di utilizzare al meglio una corsia restringendosi tutti in un’altra, che affrontano in allegria un lavoro faticoso, che a bordo vasca sostengono i compagni con un tifo esaltante che amplifica le capacità di chi è in gara.

Le vittorie non sono mai di uno solo, ma di tutti e non dipendono solo dai muscoli e dalla tecnica dei singoli, ma anche e soprattutto dal cuore della squadra.

In breve, tra sabato pomeriggio e domenica mattina lo “tsunami rosso” travolge Fabriano e colleziona in tutto 17 podi:

  • 9 ori: Claudio e Lorena nei 100dorso; Arianna nei 100 stile; Emilia negli 800 e 1500 e poi ancora Lorena nei 50 stile e 50 dorso; e le nostre staffette femminili 4×50 stile e 4x50mista – due macchine da guerra.
  • 7 argenti: Arianna nei 100 dorso, Claudio nei 100stile, Giulia, Claudio e Arianna nei 50 stile, Emilia nei 400 stile, e Roberto nei 50 dorso.
  • 1 bronzo: Giulia nei 50 delfino

Ma dei 50 dorso di Roberto vorrei raccontarvi perché valgono una citazione speciale: Roberto partiva con il 5° tempo dei 14 iscritti, non lontano dal 4°, ma difficilmente avvicinabile al podio. Parte bene e va come un treno nella prima vasca, vira in quarta posizione e mentre tutti urlavamo per spronarlo a batterne ancora uno per poter salire sul podio, lui ha messo il turbo e ha fatto il miglior arrivo della sua vita mettendo la sua mano avanti di quasi 1 secondo rispetto al terzo….bravissimo Robertino. Un argento che vale ORO.

Ma ognuno ha dato lustro alla squadra: Claudio, sempre oltre i 900 punti, Emilia con 3 grandi record personali nelle sue amate lunghe distanze (400, 800 e 1500 in 1 giorno e mezzo.), Giulia in gran ripresa dopo lo stop per salute, Roberto che lotta come un leone in acqua e fuori dall’acqua (è il miglior supporter dei compagni.) e le nostre new entry Lorena, che sembra calma e a volte distaccata, ma poi risulta determinatissima in acqua ed Arianna con le sue partenze tanto pronte da sembrare sempre sull’orlo della squalifica, ma in effetti efficacissime.

E ovviamente non possiamo dimenticare tutto il contorno: i genitori – fans scalmanati con trombette e cappellini tricolori che tanto bene hanno portato – e modestamente noi tecnici che senza nuotare facciamo il triplo della fatica dei nostri atleti per l’ansia di vederli far bene, ma soprattutto essere felici e soddisfatti. Perciò un grazie particolare a Luca, oltre a tutto infaticabile autista delle 10 ore totali di viaggio., a Giacomo brillante e giovane tirocinante che sicuramente ha il merito di aver dato un contributo tecnico notevole alla squadra in questi mesi, e Ilaria che – purtroppo. – non è nel nostro “organico” ma ha lavorato dietro le quinte con Lorena ed è stata una di noi per tutto il tempo. E un grazie infinito a Roberto Melissano a cui toccano sempre tutte le rogne organizzative e burocratiche mentre gli altri si godono la vacanzina e il divertimento.

Tutto finito? No ragazzi, COLPO DI SCENA FINALE.

Dopo una settimana, domenica mattina cominciano a girare messaggi concitati sui cellulari: è vero? Non è vero?  Sono usciti i risultati ufficiali e c’è una sorpresa ECLATANTE:

Le nostre due staffette femminili – 4×50 stile e 4×50 mista – hanno stabilito 2 nuovi RECORD ITALIANI

Vi confesso che è da domenica che ho come una paresi facciale, un ebete sorriso stampato in faccia che non mi abbandona più, una delle gioie più grandi che io abbia provato.
Grazie davvero ai nostri supersonici ragazzi che nuotano col cuore prima ancora che con i muscoli. Siete unici e impareggiabili.

M.Cristina